Avete mai pensato a quanto la tecnologia odierna possa essere d'aiuto ai non vedenti? Al giorno d'oggi, l'informatica è stata resa molto accessibile/fruibile, a diversi livelli, anche ai non vedenti; un privo della vista può', abbastanza tranquillamente, crearsi siti, gestire reti, navigare su internet o, più' semplicemente, leggere e scrivere fruendo dei normali sistemi informatici presenti nelle case o negli uffici. Chiaramente la cosa è stata possibile grazie allo sviluppo di software e periferiche hardware dedicati che hanno permesso al non vedente di potersi interfacciare alla macchina.



ASPETTI ESISTENZIALI E RELAZIONALI DELLA CONDIZIONE DI IPOVEDENTE

Una caratteristica inquietante che gli ipovedenti possono dire di avere in comune è il fatto di vivere situazioni che non si possono condividere con gli altri: è difficile persino parlarne, perchè nè i normodotati, nè i non vedenti, nè, spesso, gli altri ipovedenti (qualora ne conosciamo qualcuno) sembrano capire. Così succede che non riusciamo a spiegare alle persone che vorrebbero aiutarci, che cosa possono concretamente fare per noi e veniamo considerati o completamente normali (anche perchè molti di noi "si specializzano" nell'arte di sembrarlo), o completamente ciechi, con passaggi bruschi e in modo disorientante. Anche le nostre biografie sono diversissime: chi è stato educato nei collegi per non vedenti e chi è invece sempre stato mescolato e "confuso" con i normodotati, scontrandosi con inadeguatezze di cui era spesso difficile comprendere la ragione. A queste diverse biografie, corrispondono anche differenti "modalità di simbolizzazione" dell'esperienza di essere ipovedenti e crediamo che poterne parlare sarebbe davvero significativo. Altro capitolo molto interessante da aprire è il complesso e ricco repertorio di "strategie di sopravvivenza", applicate ai più diversi ambiti della vita quotidiana, che ognuno di noi ha certamente elaborato, e che forse si prestano ad essere insegnate e imparate. In ogni caso, si tratta di aspetti dell'esperienza umana e dell'"arte di vivere" (crediamo sia lecito usare parole tanto impegnative...) di cui non si sa niente, a meno che noi non cominciamo a parlarne. Difficoltà e strategie per fare fronte alle situazioni problematiche non si riferiscono soltanto alla mobilità e ai compiti tecnico-pratici, ma anche alle relazioni sociali, dal momento che siamo esclusi da quel complesso e articolatissimo sistema di segni che è la comunicazione non verbale (sguardi, riconoscimento di fisionomie e di espressioni del volto, cenni, saluti etc.), ma, a differenza di quanto avviene per i ciechi, gli altri non lo sanno, si aspettano da noi una modalità comunicativa normale , che noi possiamo avere soltanto a sprazzi e in relazione a situazioni accidentali e non prevedibili (esempio tipico: le condizzioni di luce); i malintesi che derivano da una tale condizione sono sgradevoli e anche defatiganti, dal momento che non si riesce neppure a pensare a come si potrebbero evitare...e gli ausilii tecnici e tecnologici, per quanto importantissimi e preziosi, hanno i loro limiti.... Crediamoo che se si riuscisse a parlare di questi problemi, un primo guadagno indiscutibile e sicuro sarebbe l'aumento di consapevolezza. Per sapere se altri guadagni possono esserci, è indispensabile provare... La commissione ipovedenti della Sezione UIC DI BOLOGNA



Alcuni consigli

Lettura di libri con testo a caratteri ingranditi:

Biblioteca Italiana per i Ciechi Progetto Lettura Agevolata

Supporti informatici, Sistemi ingrandenti, Ausili ecc.

Istituto F. Cavazza Bologna
Subvision di Milano
Voicesystem
Tiflosystem

http://www.ilgerone.net/

Patologie rare

Acromatopsia

Centri per l'Ipovisione

Istituto di Ottica Fisiopatologica
Policlinico S.Orsola - Bologna
Tel. 051 34 51 76

Clinica Oculistica Universitaria
Azienda Ospedaliera di Parma
Tel. 0521 29 35 68



Le nostre proposte - leggi subito
Le nostre proposte - scarica il documento




Torna alla Home Page

Pagina aggiornata venerdì 2 gennaio 2004 alle 23.20


0 commenti:

AL CINEMA

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON HA SCOPO DI LUCRO, MA RIVESTE CARATTERE PURAMENTE AMATORIALE, AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7 MARZO 2001.
SE QUALCUNO DOVESSE RICONOSCERE COME PROPRIO DEL MATERIALE FOTOGRAFICO QUI PUBBLICATO, NE DIA I QUALI PROVVEDERANNO IMMEDIATAMENTE A RIMUOVERLO.